Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10556/1013
Titolo: La sottrazione dei minori tra normativa europea ed internazionale
Autore: Martone, Angela
Marenghi, Enzo Maria
Di Stasi, Angela
Parole chiave: Principio "Best interest of the child"
Sottrazione internazionale minori
Data: 1-lug-2013
Editore: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Il fenomeno della sottrazione internazionale dei minori consiste nell’illecito allontanamento (o nel mancato rientro) del minore «in violazione dei diritti di affidamento derivanti da una decisione, dalla legge o da un accordo vigente in base alla legislazione dello Stato membro nel quale il minore aveva la sua residenza abituale» da parte di un genitore. Ad esso sono dedicate alcune norme del Regolamento (CE) n. 2201/2003 relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale e le disposizioni della Convenzione dell’Aja del 25 ottobre 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori. Tali atti prevedono, oltre ai criteri di definizione delle autorità competenti e alle norme sul riconoscimento ed esecuzione delle decisioni, la creazione di una rete di cooperazione fra gli Stati membri diretta alla risoluzione celere della questione e al perseguimento degli interessi del minore coinvolto. I casi di sottrazione dei minori coinvolgono, inoltre, ulteriori aspetti riguardanti la vita familiare degli stessi, il diritto ad essere ascoltati, la valutazione della loro vulnerabilità, il diritto di mantenere rapporti con entrambi i genitori e il diritto di visita. A ciò si aggiunge l’affermazione dell’obbligo per gli Stati di rispettare il diritto alla vita familiare (artt. 8 CEDU e 7 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea) e le pronunce rese dalla Corte europea sulla compatibilità tra gli obblighi scaturenti dalla Convenzione dell’Aja del 1980 e le norme CEDU. La sottrazione internazionale dei minori è, dunque, un fenomeno in cui gli aspetti processuali del diritto internazionale privato si fondono con i principi sottesi all’effettiva ed efficiente cooperazione tra Stati e con la tutela dell’interesse superiore del minore (previsto su scala universale dall’art. 3 della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo del 1989), nonché, con il diritto alla vita familiare. Profili che investono il diritto internazionale, europeo e nazionale, condizionando inevitabilmente quest’ultimo e la sfera di esclusiva competenza riservata al legislatore statale. La tutela del minore quale principio preminente rispetto ai diversi interessi coinvolti ha, dunque, una valenza particolarmente incisiva tale da superare le stesse delimitazioni di competenza tra Unione europea e Stati membri, nel senso che gli aspetti processuali atti a garantire il rientro del minore nello Stato di residenza abituale possono condurre nelle singole fattispecie concrete ad un superamento della disciplina nazionale in materia di affidamento. [a cura dell'autore]
Descrizione: 2011 - 2012
URI: http://hdl.handle.net/10556/1013
http://dx.doi.org/10.14273/unisa-6
È visualizzato nelle collezioni:Teoria delle Istituzioni nazionali e comunitarie tra federalismo e decentramento

File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato 
tesi A. Martone.pdftesi di dottorato827,09 kBAdobe PDFVisualizza/apri
abstract in italiano e inglese A. Martone.pdfabstract a cura dell’autore (versione italiana e inglese)88,99 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSpace sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.