Please use this identifier to cite or link to this item: http://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/1288
Title: Il regime di diritto internazionale applicabile alle cultural industries
Authors: Renzulli, Carmine
Ziccardi Capaldo, Giuliana
Ziccardi Capaldo, Giuliana
Nino, Carmine
Keywords: Industria culturale
Issue Date: 27-Jul-2012
Publisher: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Il presente studio ha per oggetto il trattamento destinato alle opere culturali dei media nel quadro delle regole e dei principi che informano il diritto degli scambi commerciali in ambito internazionale ed europeo. I timori da molti manifestati circa le ripercussioni del processo di globalizzazione sociale, giuridica ed economica in atto sulle specificità e le tradizioni culturali locali, si amplificano e giungono al culmine quando si affrontano le politiche sul mercato dei media: in questo contesto, le trattative sul commercio e sugli investimenti si sono arenate sulla questione di una «eccezione culturale» che consentirebbe di rivolgere ai prodotti e ai servizi culturalmente rilevanti un trattamento differenziato rispetto alle altre categorie di beni o servizi, in virtù della convinzione che, per svilupparsi, la produzione culturale necessiti di un certo sostegno pubblico. Se, in diritto internazionale, la questione si è posta con tutta la sua problematicità al termine dell’Uruguay Round del 1994, con l’inserimento, tra le regole commerciali, di una clausola che escludeva il cinema e gli altri prodotti audiovisivi dalle norme adottate durante il negoziato, nel processo di integrazione europea l’esigenza di garantire la diversità culturale è destinata a scontrarsi con la spinta verso la realizzazione del mercato unico, che da sempre rappresenta una sua tematica propulsiva. Sul diverso versante della cooperazione in materia culturale, la Dichiarazione sulla diversità culturale promossa nel 2001 dall’UNESCO ha gettato le basi per una serie di iniziative internazionali le quali – volte ad incoraggiare la creazione di standard per la tutela della cultura nelle sue molteplici manifestazioni – sono culminate nel 2005, con la conclusione della Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali, primo strumento vincolante volto a garantire la diversità culturale. Nel tentativo di fornire una ricognizione generale sulle correlazioni che la produzione artistico-culturale dei media vive con il regime degli scambi commerciali, il lavoro sarà anzitutto orientato a comprendere, in via preliminare, quale sia il ruolo rivestito da tali opere nel più ampio contesto del patrimonio culturale. In tal senso, nel primo capitolo si osserverà come la nozione di cultural heritage si sia evoluta nel corso degli anni subendo un processo di progressivo ampliamento rispetto ai canoni classici, in cui i media vengono in considerazione in una prospettiva nuova e del tutto particolare, così come crescente è il rilievo assunto dalle imprese culturali (cultural industries) dei media, le quali si trovano oggi ad operare in un mercato globalizzato, cui fanno capo quote sostanziose di diritti di proprietà intellettuale e di cui non è agevole fornire una definizione valevole in ambito internazionale, anzitutto in virtù delle differenze sociali e normative esistenti tra gli Stati nel modo di concepire la produzione artistica. Nel corso del secondo capitolo sarà approfondita l’analisi dei rapporti tra mercato e cultura nell’ordinamento giuridico internazionale. In particolare, dopo aver analizzato in dettaglio la Convenzione sulla protezione e la promozione delle diversità delle espressioni culturali, si volgerà lo sguardo al regime degli scambi internazionali negoziato nell’ambito dell’OMC, valutando se l’articolato della Convenzione UNESCO del 2005 risulti idoneo, conformemente alle aspettative, a rappresentare un valido compromesso, per la produzione artistica dei media, tra esigenze commerciali e valori culturali. Il terzo capitolo sarà infine volto ad esaminare le relazioni intercorrenti tra mercato e cultura nel diritto dell’Unione Europea, dove le soluzioni raggiunte sono più interessanti grazie al maggior grado di integrazione tra gli Stati membri. In tale ambito, sono ancora diverse le deroghe concesse agli Stati membri dell’Unione in virtù di valori sovraordinati che possono dar luogo, tra le altre, alle restrizioni di cui all’art. 36 TFUE o alla compatibilità degli aiuti di Stato contemplati dall’art. 107 (3) TFUE. In entrambe le norme considerate, ricorrono le ipotesi di protezione e promozione della cultura tali da non incidere in misura eccessiva sullo sviluppo del libero scambio e della concorrenza tra imprese. Prescindendo dalla salvaguardia del patrimonio culturale stricto sensu, il lavoro intende complessivamente osservare – alla luce della normativa di riferimento e della giurisprudenza più significativa sul tema – entro quali limiti le imprese nazionali operanti nel settore dei media (editori librari e musicali, emittenti radiotelevisive, produttori cinematografici) possano legittimamente essere destinatarie di trattamenti privilegiati in ragione del loro status di «imprese culturali» e quando, viceversa, tali agevolazioni risultino contrastanti con i monolitici principi posti a tutela del libero mercato nell’attuale scenario globale. [a cura dell'autore]
Description: 2010 - 2011
URI: http://hdl.handle.net/10556/1288
http://dx.doi.org/10.14273/unisa-166
Appears in Collections:Diritto internazionale e diritto interno in materia internazionale

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi C. Renzulli.pdftesi di dottorato1,41 MBAdobe PDFView/Open
abstract in italiano e inglese C. Renzulli.pdfabstract a cura dell’autore (versione italiana e inglese)39,52 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.