Please use this identifier to cite or link to this item: http://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/139
Title: L’innovazione come fattore chiave per lo sviluppo e la competitività dell’agroalimentare campano
Authors: Longobardi, Annalisa
Riemma, Stefano
Farace, Salvatore
Persico, Pasquale
Keywords: Industria conserviera
Industria agroalimentare
Issue Date: 11-May-2011
Publisher: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Scopo del presente lavoro è quello di indagare il rapporto esistente tra impresa agroalimentare ed innovazione. Per fare ciò occorre comprendere il valore strategico che l’agroalimentare rappresenta per ogni nazione, regione e territorio. L’ambiente economico e politico-istituzionale in cui opera il sistema agroalimentare ha subito, in questi anni, profondi mutamenti che hanno determinato una maggiore apertura alle sfide del mercato; mutamenti, peraltro, destinati ad accentuarsi a seguito del processo di crescente globalizzazione dei mercati e di liberalizzazione del commercio internazionale. Il settore agroalimentare riveste nel nostro Paese una notevole importanza sia in termini di fatturato, che per numero di imprese, che di occupazione, e risulta tipicamente caratterizzato dalla predominanza, dal punto di vista numerico, della classe dimensionale delle piccole imprese. È chiaro che acquisire competitività su mercati ormai globali presuppone costanti sforzi negli investimenti in ricerca ed innovazione; tuttavia, a questo proposito, le performance italiane risultano essere inferiori alla media europea. L’analisi riportata mira quindi a descrivere le caratteristiche strutturali, organizzative e le performance del sistema agroalimentare in un orizzonte produttivo e di consumo regionale, nazionale ed internazionale, al fine di evidenziarne le criticità ma anche e soprattutto le potenzialità. È proprio alla luce di queste considerazioni che uno studio sul ruolo che gli investimenti in ricerca e sviluppo rivestono nel sistema agroalimentare italiano, assume quindi un particolare interesse. La tesi si articola in 4 capitoli. Dapprima, verrà illustrata la situazione del settore agroalimentare a livello internazionale, quindi europeo ed italiano, analizzandone le principali linee evolutive soffermando, in particolare, l’attenzione sul ruolo che la ricerca assume in tale settore (capitolo 1). Si passerà poi all’analisi dello scenario regionale, illustrando le caratteristiche peculiari dell’agroalimentare campano grazie alla disamina dei fattori macroeconomici che lo caratterizzano. In particolare, scegliendo di focalizzare l’attenzione su un comparto del settore ossia l’industria conserviera (capitolo 2). Successivamente, si è passati all’analisi del significato che l’innovazione riveste in un settore essenzialmente poco propenso ad innovare, concentrando l’attenzione sui cambiamenti della domanda e sui nuovi stili di vita dei consumatori. Tale studio mira a mettere in luce due aspetti fondamentali per la crescita e lo sviluppo competitivo di un’azienda: il rapporto con l’ambiente esterno ossia la sua capacità relazionale e la capacità di tradurre tali relazioni in apprendimento individuale ossia in investimenti in R&S (capitolo 3). In seguito, si è scelto di studiare le capacità innovative di un campione di imprese operanti nel comparto conserviero in Campania. Tale campione è costituito da 38 imprese alle quali è stato somministrato un questionario strutturato ad hoc che è stato preso come punto di partenza per valutare l’impatto che elevati investimenti in R&S ed elevate capacità relazionali hanno sull’attività innovativa delle imprese in questione. Per verificare ciò, è stato individuato un modello econometrico capace di spiegare se effettivamente esiste, per le aziende facenti parte del campione, una relazione positiva tra la performance innovativa e le variabili su menzionate (capitolo 4).[introduzione a cura dell'autore]
Description: 2006 - 2007
URI: http://hdl.handle.net/10556/139
Appears in Collections:Ingegneria ed economia dell'innovazione

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi A. Longobardi.pdftesi di dottorato773,3 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.