Please use this identifier to cite or link to this item: http://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/147
Title: I dibattiti sullo statuto scientifico della teologia tra XIII E XIV secolo: l’eredità di Enrico di Gand
Authors: Arezzo, Anna
D’Onofrio, Giulio
Sorge, Valeria
Porro, Pasquale
Keywords: Enrico di Gand
Lumen medium
Issue Date: 25-May-2011
Publisher: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Il mio lavoro verte sui dibattiti sulla scientificità della teologia tra XIII e XIV secolo, a partire dall’originale dottrina del lumen medium del maestro secolare Enrico di Gand. La tesi è divisa in due parti, precedute da una breve Introduzione di carattere storico e storiografico sul problematico riconoscimento del carattere scientifico della teologia da Alessandro di Hales a Tommaso d’Aquino. Nella Parte Prima viene presa in esame la dottrina enrichiana del lumen medium, a partire dai suoi presupposti gnoseologici (la dottrina dell’illuminazione divina sul piano della conoscenza naturale, il desiderio naturale di conoscere le verità sovrannaturali e il valore dello studio) mettendo in luce, da un lato, la fondazione della teologia come scientia prima e, dall’altra, lo status speciale del teologo, sia attraverso la lettura degli articoli della Summa quaestionum ordinariarum che di alcune questioni quodlibetali. Nella Parte Seconda viene descritta la controversa fortuna del lumen speciale, tra XIII e XIV secolo, in ambiente domenicano (Giovanni Quidort di Parigi, Giacomo di Metz, Erveo di Nédellec, Durando di San Porziano), francescano (Giovanni Duns Scoto, Pietro Aureoli) e carmelitano (Gerardo di Bologna), con l’obiettivo di offrire un contributo parziale alla ricostruzione del sistema delle alleanze e delle opposizioni tra i maestri, almeno in riferimento alla dottrina enrichiana. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SALERNO DIPARTIMENTO DI LATINITA’ E MEDIOEVO DOTTORATO DI RICERCA IN FILOSOFIA, SCIENZE E CULTURA DELL’ETÀ TARDOANTICA, MEDIEVALE E UMANISTICA 2 Dal lavoro svolto, infatti, emerge che la figura di Enrico possa essere considerata come un punto di riferimento per gli autori del XIII e del XIV secolo, non solo in negativo ma anche in positivo, visto che la sua originale soluzione del problema della scientificità della teologia viene anche in un certo senso “salvata”, ad esempio da Scoto e Aureoli, e la costruzione enrichiana della scienza teologica elaborata nella Summa costituisce un vero e proprio modello nel caso di quella di Gerardo. [a cura dell'autore]
Description: 2008 - 2009
URI: http://hdl.handle.net/10556/147
Appears in Collections:Filosofia, scienze e cultura dell'età tardo-antica, medievale e umanistica

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi A. Arezzo.pdftesi di dottorato2,74 MBAdobe PDFView/Open
abstract in italiano A. Arezzo.pdfabstract in italiano a cura dell’autore101,32 kBAdobe PDFView/Open
abstract in inglese A. Arezzo.pdfabstract in inglese a cura dell’autore95,23 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.