Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10556/1768
Titolo: Effetti degli acidi grassi polinsanturi sui processi di sviluppo e progressione tumorale
Autore: Rescigno, Tania
Leone, Antonietta
Tecce, Mario Felice
Parole chiave: Omega-3
Carcinoma mammario
Data: 16-mar-2015
Editore: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Molteplici analisi in vitro e in vivo hanno evidenziato la capacità di diversi fattori nutrizionali di influenzare i processi di carcinogenesi e di progressione tumorale. Gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) della serie Omega 3, come l’acido eicosapentanoico (EPA) e l’acido docosaesanoico (DHA), di cui sono abbondanti i prodotti ittici, hanno mostrato molti effetti benefici nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. D’altra parte, diverse attività biochimiche e cellulari di questi nutrienti suggeriscono che essi potrebbero interferire anche sull’insorgenza e sull’evoluzione di diversi tipi di neoplasie, incluso il carcinoma mammario. Tuttavia, i meccanismi molecolari attraverso i quali questi composti potrebbero influenzare i processi di carcinogenesi mammaria non sono stati ancora completamente chiariti. Dunque, lo scopo di questo progetto è stato quello di approfondire gli effetti degli Omega 3 sui meccanismi alla base dello sviluppo e della progressione del carcinoma mammario. In seguito al trattamento con diverse concentrazioni di DHA, è stata esaminata la vitalità e la mortalità cellulare e la progressione del ciclo cellulare in linee cellulari mammarie con diverso grado di trasformazione e con diverse caratteristiche biochimiche (MCF-10A, MCF-7, SK-BR-3, ZR-75-1). Le linee MCF-7 e ZR-75-1 hanno mostrato una bassa sensibilità al trattamento con DHA in termini di vitalità cellulare, mentre un elevato effetto antiproliferativo è stato indotto da questo nutriente nelle linee cellulari MCF-10A e SK-BR-3. In particolare, il DHA ha indotto un forte blocco del ciclo cellulare delle MCF-10A nella fase G0/G1 che non è stato evidenziato nelle altre linee cellulari mammarie esaminate. Alcuni dei possibili fattori molecolari responsabili degli effetti osservati sono stati esaminati a livello di proteina e di mRNA. L’attivazione dei pathway di ERK 1/2 e di STAT3 e l’espressione di alcune molecole coinvolte nella regolazione del ciclo cellulare (p21Waf1/Cip1 e p53) sono risultate regolate in maniera differenziale dai trattamenti con DHA in ciascuna linea cellulare. I dati ottenuti hanno mostrato che il DHA è in grado di influenzare la vitalità, il ciclo cellulare e l’attività di fattori che regolano la proliferazione, attraverso modalità differenti in ciascuna linea cellulare mammaria esaminata. Nonostante i diversi meccanismi coinvolti, il nutriente ha indotto una rilevante inibizione della crescita in due linee cellulari mammarie con diverso grado di trasformazione e con diverse caratteristiche biochimico-molecolari. Questi risultati suggeriscono un possibile ruolo inibitorio del DHA nell’eziologia e nello sviluppo del carcinoma mammario, che potrebbe essere dipendente dalle proprietà molecolari e dal grado di malignità del singolo caso clinico considerato. [a cura dell'autore]
Descrizione: 2013 - 2014
URI: http://hdl.handle.net/10556/1768
http://dx.doi.org/10.14273/unisa-563
È visualizzato nelle collezioni:Biologia dei sistemi

File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato 
tesi T. Rescigno.pdftesi di dottorato2,14 MBAdobe PDFVisualizza/apri
abstract in italiano T. Rescigno.pdfabstract in italiano a cura dell’autore63,7 kBAdobe PDFVisualizza/apri
abstract in inglese T. Rescigno.pdfabstract in inglese a cura dell’autore8,62 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSpace sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.