Please use this identifier to cite or link to this item: http://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/2031
Title: La catabasi di Anfiarao: Saggio di commento a stat. Theb. Viii 1-217
Authors: Di Capua, Francesco di Paola
Esposito, Paolo
Esposito, Paolo
Ariemma, Enrico
Keywords: Commento
Issue Date: 25-May-2010
Publisher: Universita degli studi di Salerno
Abstract: Il dott. Francesco di Paola Di Capua, al termine delle attività di formazione e di ricerca, servendosi dell’edizione critica di Klotz A., “Publi Papini Stati Thebais, Leipzig 1908 (riveduta e corretta da Th. C. Klinnert nel 1973), ma tenendo conto anche dell’edizione curata da Hill D.E. “Publi Papini Stati Thebaidos Libri XII”, Leiden 1983, ha approntato un saggio di commento relativo ai primi 207 versi del libro VIII della Tebaide di Stazio. L’analisi di tali versi riguarda la catabasi di Anfiarao. Il lavoro di ricerca è stato così articolato: introduzione, traduzione del testo latino, commento. La traduzione, condotta sul testo criticamente rivisitato, tenta da un lato di rendere in italiano la pregnanza delle scelte linguistiche dell’autore, dall’altro di svolgere, in forma lineare e agevole, le strutture sintattiche cercando di far rivivere, per quanto possibile, lo stile poetico staziano. Nell’introduzione, a brevi cenni alla vita e alle opere dell’autore, e ad una concisa messa a punto della tradizione manoscritta del testo staziano, segue, dapprima, un’analisi generale dell’opera e, successivamente, un’analisi più particolareggiata della porzione di testo presa in esame. All'interno dell’introduzione, particolare attenzione è stata rivolta al piano linguisticostilistico e a quello letterario del testo, mentre osservazioni di carattere filologico e storico sono state quasi interamente riservate alle note di commento. L’attenzione del dott. Di Capua è stata poi rivolta al particolare uso dei modelli e/o ai rapporti con essi di imitatio ed aemulatio. Gli elementi di carattere filosofico all’interno del testo sono molto labili, sebbene si propenda per ritenere questi fugaci accenni come retaggio di una tradizione letteraria e non come spie di ideologie e/o dottrine filosofiche. Oltre a soffermarsi sul personaggio di Anfiarao l’analisi ha evidenziato l’importanza del dio Plutone; il dio appare personaggio di forte spessore psicologico, poiché, sebbene venga raffigurato quale emblema ed incarnazione del male, è portavoce di un animo lacerato nel quale albergano sentimenti contrastanti. Emerge altresì il suo ruolo quale alter ego di Giove nell’assecondare il volere e l’ineluttabilità del Fatum. Si è messa, infine, in particolare evidenza l’invocazione di Tisifone da parte del dio dell’Ade, che appare simmetrica rispetto a quella formulata da Edipo nel libro I; pertanto si è rimarcato come l’attuazione del nefas avvenga attraverso un consenso di rapporti fra umano e divino (Edipo e Giove/Plutone), fra mondo terreno, celeste e sotterraneo. Il libro VIII si pone pertanto come libro centrale nell’impianto del poema, in quanto portatore di una nuova esplosione del furor (dopo quella del libro I) nel prosieguo della narrazione. [a cura dell'autore]
Description: 2008 - 2009
URI: http://hdl.handle.net/10556/2031
Appears in Collections:Filologia classica

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi_F_di_Paola_Di_Capua.pdftesi di dottorato1,24 MBAdobe PDFView/Open
abstract_in_italiano_F_di_P_di_Capua.pdfabstract in italiano a cura dell'autore44,4 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.