Please use this identifier to cite or link to this item: http://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/981
Title: Text retrieval and categorization through a weighted word pairs approach
Authors: Greco, Luca
Marcelli, Angelo
De Santo, Massimo
Keywords: Text retrieval;Categorization
Issue Date: 19-Mar-2013
Publisher: Universita degli studi di Salerno
Abstract: The focus of this dissertation is the development and validation of a novel method for supervised text classification to be used effectively when small sized training sets are available. The proposed approach, which relies on a Weighted Word Pairs (WWP) structure, has been validated in two application fields: Query Expansion and Text Categorization. By analyzing the state of the art for supervised text classification, it has been observed that existing methods show a drastic performance decrease when the number of training examples is reduced. This behaviour is essentialy due to the following reasons: the use, common to most existing systems, of the "Bag of Words" model where only the presence and occurrence of words in texts is considered, losing any information about the position; polysemy and ambiguity which are typical of natural language; the performance degradation affecting classification systems when the number of features is much greater than the available training samples. Nevertheless, manual document classification is a boring, costly and slow process: it has been observed that only 100 documents can be hand-labeled in 90 minutes and this number may be not sufficient for achieving good accuracy in real contexts with a standard trained classifier. On the other hand, in Query Expansion problems (in the domain of interactive web search engines), where the user is asked to provide a relevance feedback to refine the search process, the number of selected documents is much less than the total number of indexed documents. Hence, there's a great interest in alternative classification methods which, using more complex structures than a simple list of words, show higher efficiency when learning from a few training documents. The proposed approach is based on a hierarchical structure, called Weighted Word Pairs (WWP), that can be learned automatically from a corpus of documents and relies on two fundamental entities: aggregate roots i.e. the words probabilistically more implied from all others; aggregates which are words having a greater probabilistic correlation with aggregate roots. WWP structure learning takes place through three main phases: the first phase is characterized by the use of probabilistic topic model and Latent Dirichlet Allocation to compute the probability distribution of words within documents: in particular, the output of LDA algorithm consists of two matrices that define the probabilistic relationship between words, topics and the documents. Under suitable assumptions, the probability of the occurrence of each word in the corpus, the conditional and joint probabilities between word pairs can be derived from these matrices. During the second phase, aggregate roots (whose number is selected by the user as an external parameter) are chosen as those words that maximize the conditional probability product between a given word and all others, in line with the definition given above. Once aggregate roots have been chosen, each of them is associated with some aggregates and the coefficient of relationship between aggregate roots and aggregates is calculated thanks to the joint probability between word pairs (previously computed). The number of links between aggregate roots and aggregates depends on another external parameter (Max Pairs) which affects proper thresholds allowing to filter weakly correlated pairs. The third phase is aimed at searching the optimal WWP structure, which has to provide a synthetic representation for the information contained in all the documents (not only into a subset of them). The effectiveness of the WWP structure was initially assessed in Query Expansion problems, in the context of interactive search engines. In this scenario, the user, after getting from the system a first ranking of documents in response to a specific query, is asked to select some relevant documents as a feedback documents in response to a specific query, is asked to select some relevant documents as a feedback, according to his information need. From those documents (relevance feedback), some key terms are extracted to expand the initial query and refine the search. In our case, a WWP structure is extracted from the relevance feedback and is appropriately translated into a query. The experimental phase for this application context was conducted with the use of TREC-8 standard dataset, which consists of approximately 520 thousand pre-classified documents. A performance comparison between the baseline (results obtained with no expanded query), WWP structure and a query expansion method based on the Kullback Leibler divergence was carried out. Typical information retrieval measurement were computed: precision at various levels, mean average precision, binary preference, R-precision. The evaluation of these measurements was performed using a standard evaluation tool used for TREC conferences. The results obtained are very encouraging. A further application field for validating WWP structure is documents categorization. In this case, a WWP structure combined with a standard Information Retrieval module is used to implement a document-ranking text classifier. Such a classifier is able to make a soft decision: it draws up a ranking of documents that requires the choice of an appropriate threshold (Categorization Status Value) in order to obtain a binary classification. In our case, this threshold was chosen by evaluating performance on a validation set in terms of micro-precision, micro-recall and micro-F1. The dataset Reuters-21578, consisting of about 21 thousand newspaper articles, has been used; in particular, evaluation was performed on the ModApte split (10 categories), which includes only manually classified documents. The experiment was carried out by selecting randomly the 1% of the training set available for each category and this selection was made 100 times so that the results were not biased by the specific subset. The performance, evaluated by calculating the F1 measure (harmonic mean of precision and recall), was compared with the Support Vector Machines, in the literature referred as the state of the art in the classification of such a dataset. The results show that when the training set is reduced to 1%, the performance of the classifier based on WWP are on average higher than those of SVM. [edited by author]
Il focus dell’attività di ricerca riguarda lo sviluppo e la validazione di una metodologia alternativa per la classificazione supervisionata di testi mediante impiego di training set di dimensioni ridotte (circa l’1% rispetto a quelli tipicamente impiegati). L’approccio proposto, che si basa su una struttura a coppie di parole pesate (Weighted Word Pairs), è stato validato su due contesti applicativi: Query Expansion e Text Categorization. Da un’accurata analisi dello stato dell’arte in materia di classificazione supervisionata dei testi, si è evinto come le metodologie esistenti mostrino un evidente calo di prestazioni in presenza di una riduzione degli esempi (campioni del data set già classificati) utilizzati per l’addestramento. Tale calo è essenzialmente attribuibile alle seguenti cause: l’impiego, comune a gran parte dei sistemi esistenti, del modello “Bag of Words” dove si tiene conto della sola presenza ed occorrenza delle singole parole nei testi, perdendo qualsiasi informazione circa la posizione; polisemia ed ambiguità tipiche del linguaggio naturale; il peggioramento delle prestazioni che coinvolge i sistemi di classificazione quando il numero di caratteristiche (features) impiegate è molto maggiore degli esempi disponibili per l’addestramento del sistema. Dal punto di vista delle applicazioni, ci si trova spesso di fronte a casi in cui, per la classificazione di un corpus di documenti, si ha a disposizione un insieme limitato di esempi: questo perché il processo di classificazione manuale dei documenti è oneroso e lento. D’altro canto in problemi di Query Expansion, nell’ambito dei motori di ricerca interattivi, dove l’utente è chiamato a fornire un feedback di rilevanza per raffinare il processo di ricerca, il numero di documenti selezionati è molto inferiore al totale dei documenti indicizzati dal motore. Da qui l’interesse verso strategie di classificazione che, usando strutture più complesse rispetto alla semplice lista di parole, mostrino un’efficienza maggiore quando la struttura è appresa da pochi documenti di training. L’approccio proposto si basa su una struttura gerarchica (Weighted Word Pairs) che può essere appresa automaticamente da un corpus di documenti e che è costituita da due entità fondamentali: i termini aggregatori che sono le parole probabilisticamente più implicate da tutte le altre; i termini aggregati che sono le parole aventi maggiore correlazione probabilistica con i termini aggregatori. L’apprendimento della struttura WWP avviene attraverso tre fasi principali: la prima fase è caratterizzata dall’impiego del topic model probabilistico e della Latent Dirichlet Allocation per il calcolo della distribuzione probabilistica delle parole all’interno dei documenti: in particolare, l’output dell’algoritmo LDA è costituito da due matrici che definiscono il legame probabilistico tra le parole, i topic e i documenti analizzati. Sotto opportune ipotesi è possibile derivare da tali matrici le probabilità associate al verificarsi delle singole parole all’interno del corpus e le probabilità condizionate e congiunte tra le coppie di parole; durante la seconda fase vengono scelti i termini aggregatori (il cui numero è selezionato dall’utente come parametro esterno) come quelle parole che massimizzano il prodotto delle probabilità condizionate al verificarsi di tutte le altre, coerentemente con la definizione fornita in precedenza. Una volta scelti i termini aggregatori, a ciascuno di essi sono associati dei termini aggregati e il coefficiente di relazione tra termini aggregatori ed aggregati è calcolato sulla base della probabilità congiunta. Il numero di legami tra aggregatori e tra aggregatori/aggregati dipende da un parametro esterno (Max Pairs) che va ad influire su opportune soglie che filtrano le coppie debolmente correlate. La terza fase ha come obiettivo la ricerca della struttura WWP ottima, che tenga conto dell’informazione presente in tutti i documenti del corpus e che non sia maggiormente caratterizzata da un sottoinsieme di essi. L’efficacia della struttura WWP è stata dapprima valutata in problemi di Query Expansion nell’ambito dei motori di ricerca interattivi. In questo scenario l’utente, dopo aver ottenuto dal sistema un primo ranking di documenti in risposta ad una sua query iniziale, è chiamato a selezionare alcuni documenti da lui giudicati rilevanti che andranno a costituire il relevance feedback da cui estrarre opportunamente nuovi termini per espandere la query iniziale e raffinare la ricerca. Nel caso specifico, la struttura WWP appresa dal relevance feedback viene opportunamente tradotta in una query mediante un linguaggio di interrogazione proprio del modulo di Information Retrieval utilizzato. La sperimentazione in questo contesto applicativo è stata condotta mediante l’utilizzo del dataset standard TREC-8, costituito da circa 520 mila documenti pre-classificati. E’ stato effettuato un confronto di performance tra la baseline ( risultati ottenuti da query priva di espansione), la struttura WWP ed un metodo di espansione basato sulla Divergenza di Kullback Leibler, indicato in letteratura come il metodo di estrazione delle feature più performante nei problemi di query expansion; le misurazioni effettuate sono tipiche dell’information retrieval: precisione a vari livelli, mean average precision, binary preference, R-precision. La valutazione di tali quantità è stata effettuata utilizzando un apposito tool messo a disposizione per la conferenza TREC. I risultati ottenuti sono molto incoraggianti. Un ulteriore campo applicativo in cui la struttura è stata validata è quello della categorizzazione dei documenti. In questo caso, la struttura WWP abbinata ad un modulo di Information Retrieval è utilizzata per implementare un document-ranking text classifier. Un classificatore di questo tipo realizza una soft decision ovvero non fornisce in ouput l’appartenenza di un documento ad una determinata classe ma redige un ranking di documenti che richiede la scelta di un opportuna soglia (Categorization Status Value threshold) per consentire la classificazione vera e propria. Tale soglia è stata scelta valutando le performance del classificatore in termini di micro-precision, micro-recall e micro-F1 rispetto al dataset utilizzato. Quest’ultimo, noto in letteratura come Reuters-21578, è costituito da circa 21 mila articoli di giornale; il sottoinsieme utilizzato, noto come ModApte split, include i soli documenti classificati manualmente da umani (10 categorie). La sperimentazione è stata condotta selezionando l’1% in maniera random del training set di ciascuna categoria e tale selezione è stata effettuata 100 volte in modo che i risultati non fossero polarizzati dallo specifico sottoinsieme. Le performance, valutate mediante calcolo della misura F1 (media armonica di precisione e richiamo), sono state confrontate con le Support Vector Machines, in letteratura indicate come stato dell’arte nella classificazione del dataset impiegato. I risultati ottenuti mostrano che quando il training set è ridotto al 1%, le performance del classificatore basato su WWP sono mediamente superiori a quelle delle SVM. I risultati ottenuti dall'impiego della struttura WWP nei campi di Text Retrieval e Text Mining sono molto interessanti e stanno ottenendo buon riscontro da parte della comunità scientifica. Dal punto di vista delle prospettive future, essendo attualmente la struttura appresa dai soli esempi positivi, potrebbe essere interessante valutare l'incremento di performance ottenuto impiegando 2 strutture WWP apprese rispettivamente da esempi positivi e negativi. Naturalmente, trattandosi di un classificatore soft decision, diventa cruciale stabilire una corretta politica di combinazione tra i ranking ottenuti dall'impiego del WWP "positivo" e quello negativo e la scelta della soglia CSV. Un altro interessante spunto futuro riguarda la costruzione di ontologie complete da strutture WWP, che richiederebbe l'identificazione delle tipologie di relazioni esistenti tra i termini mediante ausilio di conoscenza esogena (WordNet, etc...). [a cura dell'autore]
Description: 2011 - 2012
URI: http://hdl.handle.net/10556/981
Appears in Collections:Ingegneria dell'Informazione

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi L. Greco.pdftesi di dottorato2,88 MBAdobe PDFView/Open
abstract in inglese L. Greco.pdfabstract in inglese a cura dell'autore127,42 kBAdobe PDFView/Open
abstract in italiano L. Greco.pdfabstract in italiano a cura dell'autore198,24 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.