È l’archivio aperto dell’Università degli Studi di Salerno. Nasce come deposito istituzionale delle tesi di dottorato discusse nell’Ateneo, rese disponibili a testo pieno sul web per la libera consultazione, in attuazione dei principi della Dichiarazione di Berlino e della Dichiarazione di Messina e su delibera del senato Accademico del 27 aprile 2010. Ha incluso successivamente alcune riviste scientifiche ad accesso aperto ("Translational Medicine @ Unisa ","Testi e linguaggi","Misure critiche"), Working Papers e Salernum - Biblioteca digitale salernitana, una collezione di documenti e libri di argomento o produzione prevalentemente salernitani. Dal 2012 EleA confluisce su PLEIADI (Portale per la Letteratura scientifica Elettronica Italiana su Archivi aperti e Depositi Istituzionali); è presente sulle maggiori piattaforme europee di open access (OpenAire, OpenDOAR, ROAR).

Il progetto Salernum – Biblioteca digitale salernitana è realizzato con la collaborazione della Società Salernitana di Storia Patria, della Biblioteca Provinciale di Salerno, dell’Archivio di Stato di Salerno, della direzione della rivista “Bollettino storico di Salerno e Principato Citra”, che rendono disponibili documenti in loro possesso o di loro proprietà intellettuale.

I materiali pubblicati nella teca Il Centenario della Grande Guerra 2014-2018 confluiscono nel portale nazionale 14-18 – Documenti e immagini della Grande Guerra, prodotto e curato dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (MIBAC).

Dal 2017 EleA aderisce anche al progetto nazionale Magazzini Digitali (Fondazione Rinascimento Digitale, Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e di Roma) per la conservazione permanente dei documenti elettronici pubblicati in Italia e diffusi tramite rete informatica, in attuazione della normativa sul deposito legale (L. 106/2004, D.P.R. 252/2006).

Il progetto è curato dal Centro Bibliotecario di Ateneo e dall´Ufficio Gestione Sistemi Informativi delle Biblioteche di Ateneo, con il supporto tecnico dell´Ufficio Sistemi Tecnologici

  • More on Fascist Monuments and Buildings in Italy 

    Cajavi, Luigi (L. Cajani, More on Fascist Monuments and Buildings in Italy, «Public history weekly», 7, 2019, n. 11, 2019)
    The meaning and function of historical monuments and symbols depends from many and manifold variables: formal features, location, social discourses, historical and political context.[1] For instance, a monument to a Soviet ...
  • 8 agosto 1944: Gropparello Liberata. Un progetto di public history alla vigilia del suo quinto compleanno 

    Meloro, Iara; Pigazzini, Alessandro (I. Meloni, A. Pigazzini, Alessandro, 8 agosto 1944: Gropparello Liberata. Un progetto di public history alla vigilia del suo quinto compleanno, «E-Review. Rivista degli Istituti Storici dell’Emilia Romagna in Rete»“, 2015, n. 3, pp. 1-8, 2015)
    Un analisi del progetto 8 Agosto 1944. Gropparello Liberata a cinque anni dal suo avvio. Si tratta di un progetto che coniuga public history, microstoria e storia orale per celebra re la liberazione di Gropparello – ...
  • At the crossroads with public history: mediating the Holocaust on the Internet 

    Pfanzelter, Eva <University of Innsbruck> (E. Pfanzelter, At the crossroads with public history: mediating the Holocaust on the Internet, «Holocaust Studies. A journal of Culture and History», 21, 2015, n. 4, pp. 250-271, 2015)
    For memorials, museums, and research institutions as well as for scholars and historians, the Internet has become an indispensable tool for the dissemination of knowledge about the Holocaust. These representatives of a ...
  • Gender e Public History: alcune considerazioni in margine ad un recente convegno (Firenze, 29 novembre 2017) 

    Savelli, Aurora <Università di Firenze> (A. Savelli, Gender e Public History: alcune considerazioni in margine ad un recente convegno, «Storia delle donne», 13, 2017, pp. 257-260, 2017)
  • Public History and Audience Engagement: Urban Space as Community Heritage 

    Guerra, Mariachiara (M. Guerra, Public History e Audience Engagement: lo spazio costruito come patrimonio di comunità, «ArcHistoR EXTRA» n. 7, 2020, pp. 1388-1409, 2020)
    The paper presents the topics of Public History and Audience Engagement, narrowing the focus from the theoretical and methodological issues, to several case-studies, developed within the urban scope of Turin (Italy): ...

Visualizza piu' informazioni