È l’archivio aperto dell’Università degli Studi di Salerno. Nasce come deposito istituzionale delle tesi di dottorato discusse nell’Ateneo, rese disponibili a testo pieno sul web per la libera consultazione, in attuazione dei principi della Dichiarazione di Berlino e della Dichiarazione di Messina e su delibera del senato Accademico del 27 aprile 2010. Ha incluso successivamente alcune riviste scientifiche ad accesso aperto ("Translational Medicine @ Unisa ","Testi e linguaggi","Misure critiche"), Working Papers e Salernum - Biblioteca digitale salernitana, una collezione di documenti e libri di argomento o produzione prevalentemente salernitani. Dal 2012 EleA confluisce su PLEIADI (Portale per la Letteratura scientifica Elettronica Italiana su Archivi aperti e Depositi Istituzionali); è presente sulle maggiori piattaforme europee di open access (OpenAire, OpenDOAR, ROAR).

Il progetto Salernum – Biblioteca digitale salernitana è realizzato con la collaborazione della Società Salernitana di Storia Patria, della Biblioteca Provinciale di Salerno, dell’Archivio di Stato di Salerno, della direzione della rivista “Bollettino storico di Salerno e Principato Citra”, che rendono disponibili documenti in loro possesso o di loro proprietà intellettuale.

I materiali pubblicati nella teca Il Centenario della Grande Guerra 2014-2018 confluiscono nel portale nazionale 14-18 – Documenti e immagini della Grande Guerra, prodotto e curato dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (MIBAC).

Dal 2017 EleA aderisce anche al progetto nazionale Magazzini Digitali (Fondazione Rinascimento Digitale, Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e di Roma) per la conservazione permanente dei documenti elettronici pubblicati in Italia e diffusi tramite rete informatica, in attuazione della normativa sul deposito legale (L. 106/2004, D.P.R. 252/2006).

Il progetto è curato dal Centro Bibliotecario di Ateneo e dall´Ufficio Gestione Sistemi Informativi delle Biblioteche di Ateneo, con il supporto tecnico dell´Ufficio Sistemi Tecnologici

  • The Limits of Iconoclasm: Soviet War Memorials since the End of Socialism 

    Gabowitsch, Mischa (M. Gabowitsch, The Limits of Iconoclasm: Soviet War Memorials since the End of Socialism, «International Public History», 1, 2018, n. 2, pp. 1-6, 2018)
    There is a widespread perception that the countries of the former Soviet bloc removed all or most communist-era public monuments soon after the end of socialism. Based on a number of heavily publicized instances of iconoclasm, ...
  • The Destruction of the Monument to Humanity: Historical Conflict and Monumentalization 

    Özbek, Egemen <Accademy in Exile, Germany> (E. Özbek, The Destruction of the Monument to Humanity: Historical Conflict and Monumentalization, «International Public History», 1, 2018, n. 2, pp. 1-5, 2018)
    The destruction of the Monument to Humanity caused a heated debate in Turkey about the relationship between political power and artistic freedom. However, parties in this debate failed, to a great extent, to address the ...
  • Cooking the Books: Contested Colonial Commemorations in Australia 

    Ireland, Tracy <University of Canberra, Australia> (T. Ireland, Cooking the Books: Contested Colonial Commemorations in Australia, «International Public History», 1, 2018, n. 2, pp. 1-4, 2018)
    Controversy around the celebration of Captain Cook as a founding father of the Australian nation is not new, but dates back to the nineteenth century when his first statues were raised. The latest plans made by Australia’s ...
  • Christopher Columbus and Juana Azurduy: Revising and Revisiting Historical Monuments in Argentina 

    Lerer, Marisa <Manhattan College, Visual and Performing Arts Department, Art History, New York> (M. Lerer, Christopher Columbus and Juana Azurduy: Revising and Revisiting Historical Monuments in Argentina, «International Public History», 1, 2018, n. 1, pp. 1-5, 2018)
    This article examines the recent disputed, intertwined re-sitings of Arnaldo Zocchi’s Monument to Christopher Columbus (1910) and Andrés Zerneri’s Monument to Juana Azurduy (2015) in Buenos Aires. It analyzes issues of ...
  • Apples to Oranges? The American Monumental Landscape 

    Tebeau, Mark <Arizona State University, USA> (M. Tebeau, Apples to Oranges? The American Monumental Landscape, «International Public History», 1, 2018, n. 2, pp. 1-7, 2018)
    Grassroots activism has pushed cities across the United States to reconsider Confederate Monuments. Historians have played an important public role in those discussions. To date approximately 100 such monuments, of the ...

Visualizza piu' informazioni