È l’archivio aperto dell’Università degli Studi di Salerno. Nasce come deposito istituzionale delle tesi di dottorato discusse nell’Ateneo, rese disponibili a testo pieno sul web per la libera consultazione, in attuazione dei principi della Dichiarazione di Berlino e della Dichiarazione di Messina e su delibera del senato Accademico del 27 aprile 2010. Ha incluso successivamente alcune riviste scientifiche ad accesso aperto ("Translational Medicine @ Unisa ","Testi e linguaggi","Misure critiche"), Working Papers e Salernum - Biblioteca digitale salernitana, una collezione di documenti e libri di argomento o produzione prevalentemente salernitani. Dal 2012 EleA confluisce su PLEIADI (Portale per la Letteratura scientifica Elettronica Italiana su Archivi aperti e Depositi Istituzionali); è presente sulle maggiori piattaforme europee di open access (OpenAire, OpenDOAR, ROAR).

Il progetto Salernum – Biblioteca digitale salernitana è realizzato con la collaborazione della Società Salernitana di Storia Patria, della Biblioteca Provinciale di Salerno, dell’Archivio di Stato di Salerno, della direzione della rivista “Bollettino storico di Salerno e Principato Citra”, che rendono disponibili documenti in loro possesso o di loro proprietà intellettuale.

I materiali pubblicati nella teca Il Centenario della Grande Guerra 2014-2018 confluiscono nel portale nazionale 14-18 – Documenti e immagini della Grande Guerra, prodotto e curato dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (MIBAC).

Dal 2017 EleA aderisce anche al progetto nazionale Magazzini Digitali (Fondazione Rinascimento Digitale, Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e di Roma) per la conservazione permanente dei documenti elettronici pubblicati in Italia e diffusi tramite rete informatica, in attuazione della normativa sul deposito legale (L. 106/2004, D.P.R. 252/2006).

Il progetto è curato dal Centro Bibliotecario di Ateneo e dall´Ufficio Gestione Sistemi Informativi delle Biblioteche di Ateneo, con il supporto tecnico dell´Ufficio Sistemi Tecnologici

  • The Virtual Reconstruction Project of Unavailable Monuments: An Example of the Church of Santa Maria Paganica in L’Aquila 

    De Gasperis, Giovanni <Università degli Studi dell’Aquila>; Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila>; Cordisco, Alessio <Università degli Studi dell’Aquila> (G. De Gasperis, S. Mantini, A. Cordisco, The Virtual Reconstruction Project of Unavailable Monuments: An Example of the Church of Santa Maria Paganica in L’Aquila, in P. Fogliaroni, A. Ballatore, E. Clementini (a cura di), “Proceedings of Workshops and Posters at the 13th International Conference on Spatial Information Theory (COSIT 2017)”, pp. 31-33, Cham, Springer, 2018, 2018)
    This contribution highlights the potential that modern technologies offer for virtual reconstruction and immersive navigation of monuments that are unavailable due to catastrophic events or other causes. A methodology is ...
  • Fare Storia tra nuove connessioni: a proposito di Public History 

    Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila> (S. Mantini, Fare Storia tra nuove connessioni: a proposito di Public History, «L’identità di Clio» [posted on] 21 giugno 2018, 2018)
  • Coltivare memorie: la Storia dopo il terremoto 

    Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila> (S. Mantini, Coltivare memorie: la Storia dopo il terremoto in S. Mariantoni, A. Vaccarelli (a cura di), “Individui, comunità e istituzioni in emergenza”, pp. 249-259, Milano, Franco Angeli, 2018, (2018)
    È qui presentato il caso di studio dell’Aquila, nelle mutate morfologie che connotarono la città a partire dalla sua fondazione, in un dialogo con il presente che giunge fino al terremoto del 1703, l’ultimo grande sisma ...
  • L’Aquila e la riscoperta del Barocco con realtà aumentata e 5G 

    Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila>; Franchi, Fabio <Università degli Studi dell'Aquila>; Boero, Stefano <Università degli Studi dell'Aquila> (S. Mantini, F. Franchi, S. Boero, L’Aquila e la riscoperta del Barocco con realtà aumentata e 5G, in “Summer School Ripensare il Barocco (secc. XVII-XVIII). Nuove prospettive storico-critiche, Torino, 2-7 settembre 2019”, pp. 19-22, Torino: Fondazione 1563 per l'Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo, 2019, (2019)
  • Experiences of Public History and ICT for the Representation of Cultural Heritage 

    Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila> (S. Mantini, Experiences of Public History and ICT for the Representation of Cultural Heritage in «DISEGNARE CON», 12, 2019, pp. 161-164, (2019)
    Public History is a field of the historical sciences where historians carry out activities related to the research and communication of history with and for different audiences. This article aims to analyze the role of ...

Visualizza piu' informazioni