Show simple item record

dc.contributor.authorCriscione, Antonino
dc.contributor.authorNoiret, Serge <Istituto Universitario Europeo, Firenze>
dc.contributor.authorSpagnolo, Carlo
dc.contributor.authorVitali, Stefano
dc.contributor.authorIstituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, Soprintendenza per i beni librari e documentari
dc.date.accessioned2021-02-15T15:39:04Z
dc.date.available2021-02-15T15:39:04Z
dc.date.issued2004
dc.identifier.citationAntonino Criscione, Serge Noiret, Carlo Spagnolo, Stefano Vitali (a cura di), "La storia a(l) tempo di Internet. Indagine sui siti italiani di storia contemporanea (2001-2003)", Bologna, Pàtron, 2004 (Erba; 56)it_IT
dc.identifier.isbn8855527894it_IT
dc.identifier.urihttp://elea.unisa.it:8080/xmlui/handle/10556/5042
dc.description.abstractIl volume presenta i risultati di un'attenta ricognizione dei siti italiani di storia contemporanea operanti sul Web frutto della ricerca, sostenuta dalla Soprintendenza per i beni librari e documentari dell'IBC della Regione Emilia-Romagna, condotta da una solida equipe di studiosi tra il 2001 e il 2003. L'"opulenza informativa" inaugurata dalla rete e la carenza, d'altro canto, di chiavi di lettura per interpretare un sito e trattare le fonti elettroniche come una qualsiasi altra fonte informativa sono le premesse di questo lavoro, che intende affrontare criticamente il problema della storia (come di ogni altra forma di sapere) sottratta alla mediazione culturale degli operatori specializzati, storici, ma anche bibliotecari e archivisti. Ne deriva che il lettore non è più solo consumatore, ma anche produttore del testo. Il risvolto positivo è la crescente ampiezza dell'informazione stabilmente online ad opera di istituzioni pubbliche, archivi, giornali, centri di ricerca e associazioni, che agevola la ricerca storica e rende possibile nuovi tipi di indagine. La Rete può dunque promuovere pratiche originali di diffusione della conoscenza storica ma può anche appiattire quelle esistenti. Decisivo per il giudizio è l'insieme delle pratiche di comunicazione e di ricerca sul passato che si svolgono nel Web. Da qui questa ricerca, che si propone tre obiettivi: anzitutto proporre dei criteri orientativi per leggere criticamente i siti di storia; in secondo luogo offrire una rassegna ragionata di una parte consistente dei siti italiani di storia contemporanea; e infine trarre una prima e seppur parziale valutazione dello stato della storia italiana contemporanea in Rete. Il risultato è una classificazione dei siti in base ai soggetti produttori e ad argomenti chiave nella storiografia italiana contemporanea, e una schedatura che prende in esame per ogni sito identificazione, contenuti, struttura e linguaggi comunicativi e ne fornisce infine il giudizio complessivo dello specialista che lo ha esaminato. Un lavoro di grande importanza per iniziare la decodifica di un universo ricchissimo di informazioni e povero di strumenti interpretativi e critici quale è ancora il Web. Non a caso il volume esce nella collana ERBA della Soprintendenza per i beni librari e documentari dell'IBC della Regione Emilia-Romagna che ha promosso e sostenuto questo lavoro a riprova dell'attenzione, più volte testimoniata, verso il dibattito, quanto mai attuale al tempo di Internet, tra la difesa di principi e metodologie di alto livello tecnico-scientifico e l'opportunità della diffusione globale e immediata delle informazioni.it_IT
dc.format.extent387 p.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherA. Criscione, S. Noiret, C. Spagnolo, S. Vitali (a cura di), "La storia a(l) tempo di Internet. Indagine sui siti italiani di storia contemporanea (2001-2003)", Bologna, Pàtron, 2004it_IT
dc.relation.ispartofErba ; 56it_IT
dc.sourceUniSa. Sistema Bibliotecario di Ateneoit_IT
dc.titleLa storia a(l) tempo di Internet. Indagine sui siti italiani di storia contemporanea (2001-2003)it_IT
dc.typeBookit_IT
 Find Full text

Files in this item

Thumbnail

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record