L’ Associazione Italiana di Public History e l’Università degli Studi di Salerno hanno stipulato una convenzione per l’implementazione di un archivio aperto dedicato agli studi di public history. È denominato ELPHi (Electronic Library of Public History) ed è finalizzato a raccogliere dati bibliografici, e a conservare ed esporre documenti – inediti o anche già pubblicati in altre sedi, digitali nativi o digitalizzati – liberi da vincoli editoriali: monografie, articoli in riviste, contributi apparsi in miscellanee di studi o atti di convegni, capitoli di libri, recensioni o rassegne di dati bibliografici, contenuti audio o video, manifesti, locandine, fotografie, prodotti grafici; e qualsiasi altro contenuto o risorsa purché ritenuto coerente con le linee di indirizzo del progetto.

Il Centro Bibliotecario di Ateneo dell’Università di Salerno cura la gestione tecnica del progetto, inclusi l’indicizzazione, l’inserimento dei metadati descrittivi e l’attribuzione del DOI (Digital Object Identifier). L’archiviazione digitale sarà eseguita con la licenza CC BY-NC-ND 4.0 , che consente ad altri di condividere il lavoro, scaricare, riutilizzare, ristampare, distribuire e/o copiare la versione finale dei documenti.

L’iniziativa è rivolta a tutti gli studiosi interessati a un’ampia diffusione su strumenti telematici degli esiti della propria ricerca. Al riguardo si sottolinea che il portale EleA, reso disponibile dall’ateneo salernitano, è presente sulle maggiori piattaforme europee di open access e aderisce al progetto nazionale Magazzini digitali della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze per la conservazione permanente dei documenti elettronici pubblicati in Italia e diffusi tramite reti informatiche.

Tutti coloro che fossero interessati alla pubblicazione di documenti e risorse informative nel database ELPHi potranno inviarli in formato bibliografico o come pdf in caso di testi integrali, all’indirizzo e-l-p-hi@googlegroups.com . Ogni singola proposta di testi integrali, ovvero non limitato soltanto al dato bibliografico, dovrà essere corredata da una dichiarazione di responsabilità) . Il comitato scientifico dell’AIPH si riserva di non pubblicare i contributi ritenuti non coerenti con le finalità scientifiche del progetto o non provvisti di liberatoria.



___________________________

The Italian Association of Public History (AIPH) and the University of Salerno have entered into an agreement for the implementation of an open archive dedicated to public history studies. ELPHi (Electronic Library of Public History) is aimed at collecting bibliographical data and at storing, and exhibiting documents – unpublished or even already published in other locations, digital native or digitized – free from editorial constraints: monographs, journals’ articles, contributions that have appeared in studies’ miscellaneous or conference proceedings, book chapters, book reviews or bibliographies, audio or video content, posters, playbills, photographs, graphic products, and any other content or resource as long as it is considered consistent with the guidelines of the project.

The University Library Centre of the University of Salerno takes care of the technical management of the project, including indexing, insertion of descriptive metadata, and attribution of the DOI (Digital Object Identifier). Digital archiving will be performed under the CC BY-NC-ND 4.0 license, which allows others to share works, download, reuse, reprint, distribute and/or copy the final version of documents.

The initiative is aimed at all scholars interested in the wide dissemination of the results of their research through telematic tools. In this regard, it should be noted that the EleA portal, made available by the University of Salerno, is present on the major European open-access platforms and adheres to the national Digital Warehouses (Magazzini Digitali) project for the permanent conservation of electronic documents published in Italy and disseminated via computer networks.

All those interested in publishing documents and information resources in the ELPHi database can send them as bibliographical records or, in pdf format for full-text documents to e-l-p-hi@googlegroups.com . Each individual full-text proposal, i.e. not limited only to bibliographic data, must be accompanied by a declaration of responsibility .

  • Scientific Committee : Agostino Bistarelli (AIPH & GCSS), Chiara De Vecchis (Italian Senate Library), Maria Antonella Fusco (MIBACT), Serge Noiret (AIPH, European University Institute Library)
  • Project coordinators : Marcello Andria (AIPH), Maria Rosaria Califano (Università of Salerno)
  • Technical manager : Maria Senatore (Università of Salerno, University Library Center)

Collections in this community

Recent Submissions

  • Educare alla storia in contesti informali. Il ruolo dei musei nella Public history 

    Bolzon, Irene <MEVE Memoriale Veneto Grande Guerra>; Di Giacomo, Michelangela <Museo M9>; Karrer, Livio <Museo M9>; Associazione italiana di Public History
    I musei storici contemporanei offrono uno straordinario campo di azione per le pratiche di Public History. A partire dagli ultimi due decenni del ’900, il ruolo dei musei storici è radicalmente cambiato tanto nel modo di ...
  • Patrimonio culturale e cultural heritage. Il ruolo degli storici per la tutela e oltre la tutela (Dialoghi della Public History 4 ; 12 aprile 2021) 

    Crasta, Madel <Comitato di Direzione di Economia della cultura>; Petraroia, Pietro <Direttore di Il Capitale Culturale>; Ottaviano, Chiara <Direttivo AIPH>; Associazione italiana di Public History (Associazione italiana di Public History, "Patrimonio culturale e cultural heritage. Il ruolo degli storici per la tutela e oltre la tutela" di Madel Crasta e Pietro Petraroia, (Dialoghi della Public History 4 ; 12 aprile 2021), video file, 2021)
    Il Ministero della Cultura non prevede gli storici fra i professionisti reclutabili per le attività di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio culturale materiale e immateriale. È questo un evidente paradosso visto ...
  • Nomi, luoghi, strade e storie. La toponomastica come public history (Dialoghi della Public History 3 ; 29 marzo 2021) 

    Bistarelli, Agostino <Giunta Centrale per gli Studi Storici>; Ravveduto, Marcello <Università di Salerno>; Pizzirusso, Igor; Associazione italiana di Public History (AIPH, "Nomi, luoghi, strade e storie. La toponomastica come public history", con Agostino Bistarelli e Marcello Ravveduto, (Dialoghi della Public History 3 ; 29 marzo 2021) video file, 57:58 min., https://youtu.be/1lpePrk-0Ms, 2021)
    I nomi di luoghi, spazi e strade sono spesso un indice significativo degli usi pubblici della storia. Il dibattito che si è svolto a riguardo in questi ultimi mesi è stato vivace e ha coinvolto soprattutto i monumenti, ma ...
  • Mille e uno modi di giocare (con) la storia (Dialoghi della Public History 2 ; 15 marzo 2021) 

    Caselli, Stefano <Università di Malta>; Uberti, Giorgio <Associazione PopHistory>; Pizzirusso, Igor (AIPH, "Mille e uno modi di giocare (con) la storia", con Stefano Caselli e Giorgio Uberti, (Dialoghi della Public History 2 ; 15 marzo 2021) video file, 1:01:03 min., https://youtu.be/OvUymaGdKec, 2021)
    Il gioco è una forma di narrazione efficacissima e molto potente perché, a differenza di altre forme quali il cinema o la letteratura, permette a chi ne usufruisce di essere parte “attiva” nella costruzione della trama. ...
  • Il tempo dei ricostruttori. Il public historian nel mondo della rievocazione (Dialoghi della Public History 1 ; 1 marzo 2021) 

    Ferretti, Andrea; Salvatori, Enrica <Università di Pisa>; Noiret, Serge <Istituto Universitario Europeo, Firenze>; Associazione italiana di Public History (AIPH, "Il tempo dei ricostruttori. Il public historian nel mondo della rievocazione", con Andrea Ferretti ed Enrica Salvatori, (Dialoghi della Public History 1 ; 1 marzo 2021) video file, 2021)
    Il rapporto tra rievocatori e studiosi di storia non è mai stato facile in Italia, dove la diffidenza reciproca ha spesso marcato una sostanziale separazione dei due mondi. Ultimamente le cose sono cambiate, in parte per ...
  • Now we know it. Traiettorie della public history italiana (Dialoghi della Public History 6 ; 14 dicembre 2020) 

    Carrettieri, Marco <Istituto nazionale Ferruccio Parri>; Lusuardi, Chiara <Associazione PopHistory; Pizzirusso, Igor; Associazione italiana di Public History (AIPH, "Now we know it. Traiettorie della public history italiana", con Mirco Carrattieri e Chiara Lusuardi, (Dialoghi della Public History 6 ; 14 dicembre 2020) video file, 2020)
  • Formare i Public Historian (Dialoghi della Public History 5 ; 7 dicembre 2020) 

    Bertella Farnetti, Paolo <Università di Milano>; Salvatori, Enrica <Università di Pisa>; Ravveduto, Marcello <Università di Salerno>; Associazione italiana di Public History (AIPH, "Formare i Public Historian", con Paolo Bertella Farnetti ed Enrica Salvatori, (Dialoghi della Public History 5 ; 7 dicembre 2020) video file, 2020)
    La figura del Public Historian è in via di definizione, ma ormai sono chiare alcune competenze imprescindibili: elevata formazione come storico su uno spettro cronologico ampio, alta capacità comunicativa, grande consapevolezza ...
  • Donne che (rac)contano. Intersezioni, percorsi tra gender studies e public history (Dialoghi della Public History 4 ; 23 novembre 2020) 

    Savelli, Aurora <Università di Firenze>; Feci, Simona <Università di Palermo>; Associazione italiana di Public History (AIPH, "Donne che (rac)contano. Intersezioni, percorsi tra gender studies e public history", con Simona Feci e Aurora Savelli, (Dialoghi della Public History 4 ; 23 novembre 2020) video file, 2020)
    Alla ricchezza degli studi e all’impatto metodologico dei gender studies sullo sguardo storiografico non sembra ancora corrispondere un’adeguata restituzione dei risultati della ricerca al pubblico, e molte iniziative ...
  • Public History e reenactment: prospettive per una nuova storia applicata 

    Ferretti, Andrea (A. Ferretti, "Public History e reenactment: prospettive per una nuova storia applicata", Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Dipartimento di Studi linguistici e culturali, 2015 [tesi di laurea], 2015)
    Nel presente lavoro si è cercato di analizzare il ruolo che Public History e reenactment possono ricoprire nella produzione e nella divulgazione di narrative storiche. Nell’epoca della globalizzazione è compito degli storici ...
  • Geolocalizzare per decidere: connettere la biblioteca al territorio 

    Dapiaggi, Daniele (D. Dapiaggi, "Geolocalizzare per decidere. Connettere la biblioteca al territorio", Milano, Mimesis, 2017, 2017)
    Il testo ha come argomento l'applicazione della tecnologia GIS in ambito bibliotecario. I Sistemi Informativi Geografici sono uno strumento utilizzato in tutti quei settori che necessitano di elaborare dati con dimensione ...
  • Forme e figure della psicomotricità 

    Padoan, Ivana Maria <Università di Venezia Ca' Foscari> (I.M. Padoan, Forme e figure della psicomotricità, in G. Bandini, S. Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp.103-116, 2019)
    Psychomotor education became an educational practice around the 1960s. Its history, research and practices are affected by the educational transformation of a transmission or application model of intervention towards a ...
  • Citizen History. Storia partecipata 

    Noiret, Serge <Istituto Universitario Europeo, Firenze> (RaiPlay, "Buone pratiche per la storia orale" di Alessandro Casellato e Chiara Ottaviano, (Digital Wordl S3 ; 2018) video file, 2:04 min., https://www.raiplay.it/video/2018/10/339-punt20-5e4fabeb-88fa-4fb0-8cba-533f98d623c0.html, 2018)
    La public history è stata molto trasformata dal digitale, perché ha permesso di interagire molto meglio e molto di più con il pubblico, per poi portare alla realizzazione di mostre, archivi multimediali inventati, videogiochi, ...
  • Buone pratiche per la storia orale (Dialoghi della Public History 3 ; 16 novembre 2020) 

    Casellato, Alessandro; Ottaviano, Chiara (AIPH, "Buone pratiche per la storia orale" di Alessandro Casellato e Chiara Ottaviano, (Dialoghi della Public History 3 ; 16 novembre 2020), 2020)
    Nel fare storia con le fonti orali le responsabilità della riflessione deontologica sono spesso lasciate esclusivamente sulle spalle del singolo ricercatore, al suo apprendimento sul campo e al suo personale – e spesso ...
  • La bellezza come strumento di accesso alla conoscenza storica. La mostra Scuole come capanne. Libri come opere d’arte. Dal Brasile all’Agro romano 

    Bianchini, Paolo <Università di Torino>; Fernandes Bittencourt, Circe Maria <Università di Sao Paulo, Brasile>; Vagliani, Pompeo <Università di Torino> (P. Bianchini, C.M. Fernandes Bittencourt, P. Vagliani, La bellezza come strumento di accesso alla conoscenza storica. La mostra Scuole come capanne. Libri come opere d’arte. Dal Brasile all’Agro romano, in G. Bandini, S. Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp. 223-234, 2019)
    The essay deals with the exhibition “Schools as huts and books as works of art. From Brazil to the Agro Romano” (Scuole come capanne e libri come opere d’arte. Dal Brasile all’Agro Romano), which collected educational ...
  • La memoria delle “anziane” maestre. Ricercare radici per costruire storie 

    Cagnolati, Antonella <Università di Foggia>; De Serio, Barbara <Università di Foggia> (A. Cagnolati, B. De Serio, La memoria delle “anziane” maestre. Ricercare radici per costruire storie, in G. Bandini, S. Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp.197-210, 2019)
    This contribution focuses on the memory of older women, in the role of pupils and teachers. The starting point is the awareness of the role that the elderly person plays for younger generations, as an agent of transformation ...
  • Storie e memorie della prima generazione di educatrici ed educatori dei nidi in Toscana 

    Macinai, Emiliano <Università di Firenze>; Oliviero, Stefano <Università di Firenze> (E. Macinai, S. Oliviero, Storie e memorie della prima generazione di educatrici ed educatori dei nidi in Toscana, in G. Bandini, S. Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp. 159-168, 2019)
    This contribution describes some steps of a research, by its nature constantly in progress, which has seen us engaged on several occasions in recent years, namely the collection and sharing of the stories and memories of ...
  • Professioni educative di ieri e di oggi: la “lezione delle cose” come itinerario di ricerca 

    Ferrari, Monica <Università di Pavia> (M. Ferrari, Professioni educative di ieri e di oggi: la “lezione delle cose” come itinerario di ricerca, in G. Bandini, S. Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp. 77-89, 2019)
    Starting from a reflection on the pedagogical analysis of professionalization processes from a diachronic perspective, the essay discusses a research perspective attentive to the "lesson of things" underlying the identification ...
  • Memorie autobiografiche come patrimonio di comunità 

    Benelli, Caterina <Università di Messina> (C. Benelli, Memorie autobiografiche come patrimonio di comunità, in Gianfranco Bandini, Stefano Oliviero (a cura di), "Public History of Education: riflessioni, testimonianze, esperienze", 2019, pp. 65-75, (2019)
    We live in a historical period in which it is necessary and urgent to know and relate to stories. Today, the social function of memory is stronger and more evident than ever. The concept of memory, as well as that of ...
  • The Virtual Reconstruction Project of Unavailable Monuments: An Example of the Church of Santa Maria Paganica in L’Aquila 

    De Gasperis, Giovanni <Università degli Studi dell’Aquila>; Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila>; Cordisco, Alessio <Università degli Studi dell’Aquila> (G. De Gasperis, S. Mantini, A. Cordisco, The Virtual Reconstruction Project of Unavailable Monuments: An Example of the Church of Santa Maria Paganica in L’Aquila, in P. Fogliaroni, A. Ballatore, E. Clementini (a cura di), “Proceedings of Workshops and Posters at the 13th International Conference on Spatial Information Theory (COSIT 2017)”, pp. 31-33, Cham, Springer, 2018, 2018)
    This contribution highlights the potential that modern technologies offer for virtual reconstruction and immersive navigation of monuments that are unavailable due to catastrophic events or other causes. A methodology is ...
  • Fare Storia tra nuove connessioni: a proposito di Public History 

    Mantini, Silvia <Università degli Studi dell’Aquila> (S. Mantini, Fare Storia tra nuove connessioni: a proposito di Public History, «L’identità di Clio» [posted on] 21 giugno 2018, 2018)

View more